European Union External Action

Le sfide del Mediterraneo occidentale

27/10/2020 - 19:17
From the blog

27/10/20 - Blog dell'AR/VP - Il Mediterraneo occidentale è sempre stato e rimarrà una regione chiave per l'Europa. Tuttavia, affinché le relazioni tra le due sponde del Mediterraneo si sviluppino in modo reciprocamente vantaggioso, dovremo riuscire a colmare insieme il crescente divario tra di esse, in particolare in termini economici.

"Affinché le relazioni tra le due sponde del Mediterraneo si sviluppino in modo reciprocamente vantaggioso, dovremo riuscire a colmare insieme il crescente divario tra di esse."

La settimana scorsa sono stato invitato a partecipare alla riunione dei ministri degli Esteri del gruppo "Mediterraneo occidentale", il cosiddetto "5 + 5". Il Forum riunisce da trent'anni 5 paesi dell'UE, Spagna, Francia, Italia, Malta e Portogallo, e 5 paesi del Mediterraneo meridionale, Algeria, Libia, Marocco, Mauritania e Tunisia.

Sebbene questa struttura sia informale, consente di confrontare le opinioni e sviluppare partenariati intorno a una regione, il Mediterraneo occidentale, che ha svolto in passato, svolge attualmente e continuerà a svolgere anche in futuro un ruolo fondamentale per l'Unione europea.

 

Il divario tra l'UE e il Maghreb si sta ampliando

Nel corso di questa riunione sono stato colpito da come i miei colleghi hanno descritto le difficoltà che i paesi del Mediterraneo meridionale si trovano attualmente ad affrontare. Il divario di ricchezza tra le due sponde del nostro mare comune, che è già considerevole, è in aumento. I 102 milioni di abitanti dei 5 paesi del Mediterraneo meridionale rappresentano poco meno di un quarto della popolazione dell'UE, ma il loro PIL complessivo è 60 volte inferiore a quello dell'Unione. In altre parole, la ricchezza pro capite è 13 volte inferiore a quella europea. E anche se si corregge questa differenza tenendo conto dei livelli di prezzo, notevolmente più bassi sull'altra sponda del Mediterraneo, il divario tra i livelli di vita mostra un rapporto di quasi 1 a 5.

E soprattutto, il processo di recupero osservato fino alla metà degli anni 2000 si è invertito da quando: nel 2005 il tenore di vita medio degli abitanti dei 5 paesi del Mediterraneo meridionale era 3 volte inferiore a quello degli europei, attualmente lo è quasi 5 volte.

Una demografia dinamica

Questa stagnazione del tenore di vita non è semplicemente legata alle difficoltà delle economie del Mediterraneo meridionale, ma è anche dovuta alle dinamiche demografiche: tra il 1990 e il 2019 la popolazione dei 5 paesi del Maghreb è aumentata del 57%, mentre quella dell'UE è cresciuta solo del 6%. La crescita economica ha avuto difficoltà a tenere il passo con questo ritmo.  

Inoltre, queste cifre si riferiscono al 2019. Nel 2020 la pandemia di COVID‑19 ha colpito profondamente le economie del Marocco o della Tunisia, che dipendono fortemente dal turismo, dall'indotto dell'industria automobilistica e dal tessile. Il calo dei prezzi e dei volumi di vendita degli idrocarburi ha invece colpito duramente l'Algeria. Tutti i paesi della regione risentono inoltre del forte calo delle rimesse dei loro emigranti in Europa a seguito della crisi.

"La COVID‑19 si è presa gioco dei concetti di nord e sud: i paesi più colpiti del nord si trovano nel sud dell'Europa e i paesi più colpiti del sud si trovano nel nord dell'Africa". Nasser Bourita, ministro degli Affari esteri del Marocco. "

Come il mio collega Nasser Bourita, ministro degli Affari esteri del Marocco, ha giustamente affermato nel corso della nostra riunione: "La COVID‑19 ha colpito duramente il Mediterraneo occidentale. Si è presa gioco dei concetti di nord e sud: i paesi più colpiti del nord si trovano nel sud dell'Europa e i paesi più colpiti del sud si trovano nel nord dell'Africa".

Finché il tenore di vita nel Mediterraneo meridionale sarà stagnante e il divario tra le due sponde si amplierà, sarà difficile evitare lo sviluppo dell'instabilità politica e sociale sulla sponda meridionale e i movimenti migratori verso l'Europa. È pertanto nell'interesse degli europei contribuire attivamente a invertire questa tendenza, rispettando ovviamente la sovranità di tutti.

"Le profonde difficoltà della regione derivano in particolare dal "non Maghreb". Questa rimane infatti una delle regioni meno integrate dal punto di vista economico. "

Le cause di queste difficoltà profonde sono numerose. Tuttavia, dipendono in larga misura dal "non Maghreb". Questa regione rimane infatti una delle meno integrate dal punto di vista economico: il commercio tra i paesi del Maghreb è stimato a un quarto del loro potenziale. Nel 2012 abbiamo proposto un'ampia gamma di misure per promuovere l'integrazione regionale e incoraggiare una più stretta cooperazione con l'UE.

I conflitti persistono

Otto anni dopo, le relazioni bilaterali si sono sviluppate e la cooperazione si è ampliata su questioni fondamentali come i cambiamenti climatici. Tuttavia, l'impatto degli sforzi è stato limitato. I persistenti conflitti e gli interessi divergenti tra i paesi della regione hanno prevalso sugli sforzi di cooperazione volti a risolvere le sfide comuni. In particolare, non è stato possibile soddisfare le aspettative di una popolazione giovane e istruita in forte crescita.

A peggiorare la situazione, le relazioni commerciali con l'Europa non si sono sviluppate. Al contrario, sono notevolmente diminuite dalla fine degli anni 2000. Attualmente il commercio estero con questi paesi rappresenta solo il 3% circa del commercio totale dell'UE. Le esportazioni dell'UE verso il Maghreb, ad esempio, rappresentano un volume 8 volte inferiore a quello delle esportazioni verso gli Stati Uniti.

Una dinamica da invertire con urgenza

Dobbiamo riuscire a invertire insieme questa tendenza per garantire che il post-COVID‑19 sia digitale, ecologico ed equo su entrambe le sponde del Mediterraneo. La nostra cooperazione con il Maghreb si sta sviluppando in un contesto internazionale sempre più incerto, se non conflittuale: le delocalizzazioni e la sovranità economica sono ormai diventate temi dominanti in tutto il mondo.

"L'Europa non intende piegarsi su sé stessa. Il nostro desiderio di riconquistare una maggiore sovranità economica può essere un'opportunità per il Maghreb. "

Tuttavia, il nostro desiderio di riconquistare una maggiore sovranità economica per l'Europa può essere un'opportunità per lo sviluppo del Maghreb. L'Europa non intende piegarsi su sé stessa: occorre generare ricchezza in stretto collegamento con i nostri vicini per sfruttare le nostre complementarità e migliorare insieme il nostro tenore di vita e creare nuovi posti di lavoro. Resta tuttavia molto da fare, in particolare in termini di riforme politiche ed economiche, per attirare con successo investitori stranieri nei paesi del Maghreb.

Politica e sicurezza: una crescente instabilità

Queste persistenti difficoltà economiche e sociali sono state accompagnate dall'instabilità politica, che ha portato in particolare a scontri interni in Libia e al diffondersi del terrorismo islamico in tutto il Sahel. Ciò ha indotto l'UE a sviluppare la cooperazione in materia di sicurezza con la regione.

L'Algeria, la Tunisia e il Marocco partecipano a diversi programmi europei di lotta al terrorismo. La cooperazione prosegue anche nella lotta contro la criminalità organizzata. Insieme ai paesi della regione, l'UE è finalmente coinvolta attivamente nel processo di Berlino guidato dalle Nazioni Unite per la Libia al fine di ripristinare la pace e la stabilità nel paese. Nel marzo di quest'anno l'UE ha avviato l'operazione Irini per contribuire a far rispettare l'embargo delle Nazioni Unite sulle armi, ma anche per combattere il contrabbando e la tratta di esseri umani.

"Gli ultimi sviluppi in Libia vanno accolti con favore: grazie in particolare agli sforzi dei paesi del Maghreb, i negoziati sembrano essere la via da seguire."

Gli ultimi sviluppi in Libia vanno accolti con favore: grazie in particolare agli sforzi dei paesi del Maghreb, i negoziati sembrano essere la via da seguire. Sarà la via vincente se i cittadini libici riusciranno a trovare soluzioni da soli. Le Nazioni Unite e l'Unione europea forniranno tutto il sostegno necessario ai loro sforzi di compromesso. Naturalmente, siamo ben consapevoli del fatto che queste sfide in materia di sicurezza possono essere affrontate a lungo termine solo se si affrontano contemporaneamente le loro cause strutturali attraverso profonde riforme politiche e socioeconomiche.

La migrazione deve avvenire in modo ordinato

Le nostre società e i nostri popoli sono strettamente legati: milioni di cittadini dei paesi del Maghreb vivono legalmente nei paesi dell'Unione europea. Questi paesi subiscono anche pressioni migratorie da parte dei paesi dell'Africa subsahariana. Dobbiamo rafforzare ulteriormente la nostra cooperazione con i paesi di origine e di transito per garantire che questi movimenti migratori si svolgano in modo ordinato. Questo è l'obiettivo dei dialoghi in materia di migrazione che cercheremo di sviluppare con i paesi del Maghreb, sulla base della forte cooperazione già esistente in questo settore. 

Questa riunione informale mi ha permesso di comprendere meglio le gravi difficoltà che i nostri vicini del Mediterraneo meridionale si trovano attualmente ad affrontare e le enormi sfide legate allo sviluppo delle nostre relazioni. Tuttavia, si è trattato solo di un primo passo prima di un'altra scadenza importante: il Forum regionale dell'Unione per il Mediterraneo si terrà il 27 novembre.

Il 27 novembre: i 25 anni del processo di Barcellona

Insieme ai nostri partner di tutto il Mediterraneo, questa volta faremo il punto sui 25 anni della cooperazione regionale, il cosiddetto processo di Barcellona. In questa occasione l'Unione confermerà la sua determinazione a rendere il Mediterraneo una regione più sicura, prospera e stabile. Sono pienamente consapevole del fatto che le azioni intraprese in questa direzione da un quarto di secolo hanno avuto risultati limitati e che il compito sarà particolarmente impegnativo per i prossimi mesi...

 

 

Sezioni editoriali: