South Georgian and South Sandwich Islands

Una donna può tutto: è ora di festeggiarla 365 giorni l'anno

08/03/2021 - 10:00
News stories

La Giornata internazionale della donna ci ricorda di celebrare i successi delle donne, accrescere la loro visibilità e combattere le disuguaglianze, e di farlo 365 giorni l'anno! Alle spalle abbiamo un anno difficile. La pandemia non ha risparmiato nessuno ed è stata particolarmente dura per le donne. Medici, infermiere, insegnanti, commesse – professioni in maggioranza femminili – si sono trovate in prima linea nella lotta alla pandemia, e allo stesso tempo le donne si sono fatte carico di maggiori responsabilità in casa. Nella sua dichiarazione in occasione della Giornata internazionale della donna, l'UE ringrazia le donne per il loro coraggio, la loro compassione e il loro contributo nel fronteggiare la crisi.

©Times of Malta - Health carers
Main Image ©Times of Malta

 

Quest'anno il tema della Giornata internazionale della donna è "Leadership delle donne: raggiungere un futuro equo nel mondo del COVID-19"; l'obiettivo è celebrare gli enormi sforzi che compiono in tutto il mondo le donne e le ragazze per dare forma a un futuro più equo e alla ripresa dalla pandemia di COVID-19 ed evidenziare le lacune ancora da colmare.

La partecipazione effettiva e la leadership delle donne in tutti gli ambiti della vita costituiscono motori di progresso per tutti. Eppure, nella lotta in prima linea alla pandemia mondiale, la rappresentanza delle donne nei processi decisionali è stata raramente soddisfacente. Ma l'UE non si è risparmiata nella promozione di una maggiore uguaglianza tra donne e uomini in Europa e altrove.

L'alto rappresentante/vicepresidente Josep Borrell e la commissaria Jutta Urpilainen hanno presentato una serie di azioni nel quadro del nuovo piano d'azione sulla parità di genere (GAP III) per il periodo 2021-2025, con l'obiettivo di promuovere la parità di genere e garantire che le donne e le ragazze in tutto il mondo possano partecipare alla costruzione della democrazia, della giustizia, della pace e della sicurezza.

L'iniziativa Spotlight dell'Unione europea e delle Nazioni Unite, che si occupa specificatamente di violenza di genere a livello mondiale, ha adattato le azioni prioritarie per l'eliminazione di tutte le forme di violenza di genere alle necessità urgenti, in un periodo in cui un numero crescente di donne si è trovato esposto a rischi maggiori a causa della pandemia sommersa.

Il nuovo quadro finanziario pluriennale 2021-2027 promuove una maggiore integrazione della dimensione di genere nella spesa del bilancio dell'UE.

Nell'ottica di realizzare un elemento chiave della strategia dell'UE per la parità di genere, la Commissione ha inoltre presentato una proposta relativa a nuove misure tese a far rispettare il principio della parità di retribuzione

 

"I progressi si conquistano faticosamente, ma si perdono con facilità. Dobbiamo adoperarci affinché l'Europa rimanga un precursore in materia di diritti delle donne. Indietreggiare non è concepibile: continueremo ad avanzare."Dichiarazione dell'UE

 

L'UE sostiene l'emancipazione femminile

L'UE è risolutamente impegnata a favore dell'emancipazione delle donne in tutto il mondo, anche in circostanze difficili, come testimoniano le storie di donne reali e le loro esperienze personali. Il piano sulla parità di genere adottato alla fine dello scorso anno mira a ottenere di più per le donne al di là dell'UE: più trasformazione, più risultati positivi, più modelli di riferimento… Il fatto di dare visibilità ed emancipare le donne di tutti i contesti sociali costituisce una fonte di ispirazione per altre donne, mostrando loro che possono realizzare anch'esse cose che non avrebbero mai pensato possibili. Ma quando dispongono di mezzi, sostegno, conoscenza e volontà, le donne possono tutto.

 

Le lavoratrici migranti hanno il diritto di tornare a casa in sicurezza

Il programma "Safe and Fair", una risposta immediata alla pandemia di COVID-19, ha fornito supporto al ministero indonesiano degli Affari sociali con oltre 3 000 dispositivi di protezione individuale (DPI), kit per l'igiene e materiale informativo volto a prevenire la violenza contro le donne. I kit sono stati distribuiti alle lavoratrici migranti indonesiane di ritorno nel paese nel quadro dell'impegno congiunto a sostegno del governo indonesiano nei suoi sforzi di contenimento della COVID-19.

UN WomenThe Safe and Fair Programme falls under the EU-UN Spotlight Initiative to eliminate violence against women and girls, supports front-line service providers to ensure essential services are available for women migrant workers who are subject to violence.

Il programma "Safe and Fair", che rientra nell'ambito dell'iniziativa UE-ONU Spotlight tesa a eliminare la violenza contro le donne e le ragazze, sostiene i fornitori di servizi di prima linea al fine di garantire la disponibilità di servizi essenziali alle lavoratrici migranti vittime di violenza.

Rara Saraswati, che lavora al Rumah Perlindungon Trauma Center, spiega che fornire conoscenze alle lavoratrici migranti si ripercuote positivamente sulle loro famiglie e sui loro amici. "Ho visto molte lavoratrici migranti entusiaste di ricevere il piano di sicurezza e altri materiali informativi; molte di loro mi hanno detto che era la prima volta che vedevano materiale di questo tipo. Hanno aggiunto anche che non avevano mai preso in considerazione la possibilità di cercare quel tipo di servizi." Versione integrale della storia di Rara

 

Jeannette ha visto garantiti i diritti sulla sua terra

Jeannette Ramarisoa possiede una fattoria in Madagascar. Anche se fa la contadina da quando aveva 19 anni, non aveva mai posseduto un certificato ufficiale che confermasse che la sua terra è effettivamente di sua proprietà. Per questo motivo non la poteva utilizzare come garanzia per ottenere un prestito bancario oppure per ampliare o diversificare la propria attività. Poi però l'UE ha cooperato con il governo del Madagascar perché ai contadini venissero rilasciati certificati ufficiali che confermassero che le terre sono di loro proprietà.

 EU External Investment Plan

"Ora le generazioni future potranno usare i certificati fondiari per prendere in prestito denaro, come abbiamo fatto noi", ha affermato Jeannette con soddisfazione. Maggiori dettagli e un video sulla storia di Jeannette

 

Milembe ha imparato a gestire le proprie finanze

Milembe Daniel, una studentessa diciannovenne della Tanzania, non sapeva quanto fosse importante risparmiare per il proprio futuro, né come farlo. Ed è a questo che le è servito il piano dell'UE per gli investimenti esterni.

 EU External Investment Plan

"Inizialmente mia madre è rimasta davvero sorpresa, poi si è resa conto che ero diventata grande… è stata davvero fiera di me. E le spese a casa si sono ridotte, perché non è più la sola a occuparsi di tutto. Quindi risparmio per me, per la mia famiglia e per la mia istruzione futura." Maggiori dettagli e un video sulla storia di Milembe

 

Luna & the Planet of Fireflies

Photo: UNFPA Georgia/Dato Gorgiladze & Tatia Nadareishili"Luna & the Planet of Fireflies" (Luna e il pianeta delle lucciole) racconta le magiche avventure di una famiglia comune in cui le responsabilità domestiche sono condivise in modo equo. Foto: UNFPA Georgia/Dato Gorgiladze e Tatia Nadareishili

L'obiettivo di questo libro è evidenziare l'importanza del ruolo degli uomini come padri, mariti e partner premurosi, e di promuovere il loro coinvolgimento nella cura dei figli e nelle occupazioni domestiche, condizione essenziale per realizzare la parità di genere nella pratica e per migliorare il benessere delle donne, dei bambini e della famiglia, cosa tanto più importante durante la pandemia, in cui le donne si sono dovute far carico di ancora più responsabilità in casa. "Luna & the Planet of Fireflies" è stato elaborato su iniziativa dell'ufficio del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) in Georgia, con il sostegno dell'Unione europea. Maggiori informazioni su "Luna & the Planet of Fireflies"

 

Iniziative e messaggi per la Giornata internazionale della donna

 

> Evento organizzato dalle Nazioni Unite

Le Nazioni Unite stanno organizzando un evento virtuale per celebrare la Giornata internazionale della donna 2021, che si terrà lunedì 8 marzo dalle 10.00 alle 12.30 EST.

Questo evento sarà la prima occasione per presentare pubblicamente il lavoro delle coalizioni d'azione e per prepararsi alle prossime tappe, tra cui il Forum Generazione Uguaglianza a Città del Messico a fine marzo e a Parigi a giugno.

 

> UE e Afghanistan a favore della parità di genere

Le donne e le ragazze afgane hanno realizzato considerevoli progressi negli ultimi vent'anni. Oggi 3,5 milioni di ragazze afgane - cioè circa il 40% di tutti gli studenti - frequentano la scuola, circa un terzo degli insegnanti del paese è rappresentato da donne e sempre più donne diventano legislatrici, giudici, dottoresse, funzionarie pubbliche, leader nel mondo politico, dell'impresa e della società civile.

Eppure la strada verso la parità è ancora lunga e l'Afghanistan continua a essere uno dei paesi meno equi dal punto di vista del genere, in cui donne e ragazze sono particolarmente colpite dalla discriminazione. La violenza è uno dei maggiori ostacoli al rispetto dei loro diritti e al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

In occasione della Giornata internazionale della donna, atleti, artisti, attori, giornalisti e influencer afgani si uniscono all'UE e ai suoi Stati membri per far sentire la propria voce a favore della parità di genere in questo film:

 

> Il Turkmenistan celebra l'emancipazione femminile e la parità di genere

"Lavoro come illustratrice commerciale. Non ho riscontrato alcun problema di parità di genere. Quello che vedo sono invece problemi di sottosviluppo sistematico del settore" – Shirin

"Tradizionalmente le attività delle ONG hanno coinvolto le donne, visto che riguardano la sfera sociale, ma le cose devono cambiare" – Guljamal

"La parità di genere ha sofferto molto a causa della COVID-19. Siamo regrediti di 15 anni nei progressi compiuti. Sempre più donne rimangono a casa a fare le mamme, perdono il lavoro e sono vittime di violenza domestica" – Ene

 

Shirin Begmuradova, Guljamal Nurmuhammedova ed Ene Tuylieva sono tra le partecipanti a un evento virtuale di networking sul tema "Donne in vari ruoli", teso a promuovere l'emancipazione femminile, che si terrà martedì 9 marzo. Si discuterà di opportunità eque di sviluppo personale e professionale, di assistenza all'infanzia, di equilibrio tra vita professionale e vita privata, delle aspettative che la società impone alle donne e delle ripercussioni della COVID-19 sulla parità di genere. Maggiori informazioni sull'evento

 

> La delegazione dell'UE a Ginevra ospita un evento virtuale

La delegazione dell'UE a Ginevra sta organizzando un evento con giovani attiviste fautrici del cambiamento in tutto il mondo. Quali sono le loro motivazioni? Quali sfide devono affrontare a causa dell'attuale crisi sanitaria? Cosa è cambiato per loro? E cosa raccomanderebbero alle giovani attiviste che vogliono seguire il loro esempio? Informazioni qui (link esterno)

 

> Protezione civile e aiuto umanitario nell'UE

 

 

Sezioni editoriali: