French Southern Territories and the EU

EEAS RSS Feeds

Displaying 11 - 20 of 40

Da ormai più di un mese l'Europa è in balia del coronavirus. Anche se lavoriamo senza sosta ogni giorno per fronteggiare tutti gli aspetti della crisi, è bene fermarci un momento a riflettere su che cosa significhi per la nostra vita quotidiana, per l'Europa e per il resto del mondo convivere con la COVID19 e su quali saranno le sue ripercussioni sulla nostra società.

Il coronavirus tiene in balia non solo l'Europa ma l'intera comunità internazionale e rappresenta un nemico comune per tutto il mondo, un nemico che possiamo sconfiggere soltanto attraverso una strategia globale e un coordinamento transfrontaliero. E se è chiaro che dobbiamo mobilitare tutte le nostre risorse per combattere il virus in casa nostra, è giunto il momento di volgere lo sguardo anche al di là delle nostre frontiere, in particolare al continente africano nostro fratello e al vicinato meridionale, nonché ai Balcani occidentali, al Medio Oriente e a parte dell'Asia, dell'America latina e dei Caraibi. Perché la solidarietà non deve essere una parola priva di senso e perché, fino a quando non sarà stato eliminato ovunque, il virus continuerà a rappresentare una minaccia per tutti noi.

La Covid-19 riplasmerà il nostro mondo. Ancora non sappiamo quando la crisi finirà, ma possiamo essere certi che, una volta superata, il nostro mondo sarà molto diverso. L'entità del cambiamento dipenderà dalle scelte che facciamo oggi.

Guardate il mio videomessaggio sull'epidemia e sulla risposta dell'UE, nonché sugli sforzi in atto per coordinare il rimpatrio delle migliaia di europei bloccati all'estero.

Oggi il Regno Unito lascia l'Unione europea e diventa un paese terzo. Sebbene ci rammarichiamo della decisione del Regno Unito di lasciare la nostra Unione, rispettiamo pienamente questa scelta e siamo pronti ad andare avanti.

 

On 1 December, Josep Borrell assumed the post of EU High Representative for Foreign Affairs and Security Policy and Vice-President of the European Commission.

L'Unione europea (UE) e il Consiglio d'Europa condannano con fermezza la pena di morte sempre e in qualsiasi circostanza. La pena di morte è una punizione crudele, inumana e degradante in violazione del diritto alla vita. La pena di morte è vendetta e non giustizia; la sua abolizione contribuisce a rafforzare la dignità umana.

Federica Mogherini ha presentato la terza relazione sui progressi compiuti nell'attuare la strategia globale dell'Unione europea, dal titolo "La strategia globale dell'UE in pratica - Tre anni dopo, prospettive per il futuro", che sarà discussa dai ministri degli affari esteri e della difesa dell'UE al Consiglio Affari esteri di Lussemburgo del 17 giugno 2019. La relazione esamina i progressi compiuti negli ultimi tre anni, dalla presentazione della strategia globale nel giugno 2016, in cinque settori prioritari - sicurezza dell'Unione, resilienza degli Stati e delle società a est e a sud, approccio integrato a conflitti e crisi, ordini regionali cooperativi e governance globale per il XXI secolo - e fornisce possibili orientamenti per la via da seguire nei prossimi anni.

The candidacy of Ms Catherine Geslain-Lanéelle for the post of Director General of the Food and Agriculture Organisation, was submitted in Rome on Monday 17 December 2018. The next Director General will be elected by the 194 Member States of the Organisation during its 41st Conference in June 2019. Ms Geslain-Lanéelle from France was identified as the EU candidate by the Council of the European Union on 15 October 2018.

Pages