Delegation of the European Union to Myanmar

EEAS RSS Feeds

Displaying 1 - 10 of 53

In occasione della Giornata internazionale a sostegno delle vittime della tortura, rendiamo omaggio alle vittime della tortura e di altri trattamenti crudeli, inumani o degradanti. In un momento in cui il mondo unisce le forze per superare la pandemia di coronavirus, i diritti umani devono rimanere al centro della nostra battaglia. Oggi ci facciamo portavoce delle centinaia di migliaia di persone che hanno subito torture e di coloro che ancora ne sono vittime.

L'alto rappresentante/vicepresidente Josep Borrell, con il sostegno del SEAE, della Commissione e delle delegazioni dell'UE in tutto il mondo, guida i lavori volti a rafforzare il coordinamento tra gli Stati membri per aiutare i cittadini dell'UE attualmente bloccati fuori dell'UE.

Oggi festeggiamo la giornata internazionale contro l'omofobia, la transfobia e la bifobia (IDAHOTB) e vorrei cogliere l'occasione per dedicare questo post alle persone che tuttora subiscono discriminazioni e violenze per via della loro identità e dell'impossibilità di vivere e amare liberamente, secondo la loro scelta. In particolare, desidero rendere omaggio alla comunità delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali (LGBTI+) e a tutti gli attivisti LGBTI+ che difendono il diritto di essere se stessi.

Il 9 maggio celebriamo la Giornata dell'Europa. Il 70º anniversario della dichiarazione di Schuman offre l'opportunità di riflettere sul significato dell'integrazione europea e sul ruolo dell'UE nel mondo. In questo intervento vorrei esporre da un punto di vista personale i motivi per cui vale la pena difendere l'Europa in quanto idea e progetto politico.

Quest'anno celebriamo la Giornata mondiale della libertà di stampa nel bel mezzo di una pandemia globale, situazione che ci offre un motivo particolare per rendere omaggio a tutti i giornalisti e gli operatori dei media che ci portano le notizie e analizzano il mondo in cui viviamo.

Da ormai più di un mese l'Europa è in balia del coronavirus. Anche se lavoriamo senza sosta ogni giorno per fronteggiare tutti gli aspetti della crisi, è bene fermarci un momento a riflettere su che cosa significhi per la nostra vita quotidiana, per l'Europa e per il resto del mondo convivere con la COVID19 e su quali saranno le sue ripercussioni sulla nostra società.

Il coronavirus tiene in balia non solo l'Europa ma l'intera comunità internazionale e rappresenta un nemico comune per tutto il mondo, un nemico che possiamo sconfiggere soltanto attraverso una strategia globale e un coordinamento transfrontaliero. E se è chiaro che dobbiamo mobilitare tutte le nostre risorse per combattere il virus in casa nostra, è giunto il momento di volgere lo sguardo anche al di là delle nostre frontiere, in particolare al continente africano nostro fratello e al vicinato meridionale, nonché ai Balcani occidentali, al Medio Oriente e a parte dell'Asia, dell'America latina e dei Caraibi. Perché la solidarietà non deve essere una parola priva di senso e perché, fino a quando non sarà stato eliminato ovunque, il virus continuerà a rappresentare una minaccia per tutti noi.

La Covid-19 riplasmerà il nostro mondo. Ancora non sappiamo quando la crisi finirà, ma possiamo essere certi che, una volta superata, il nostro mondo sarà molto diverso. L'entità del cambiamento dipenderà dalle scelte che facciamo oggi.

Guardate il mio videomessaggio sull'epidemia e sulla risposta dell'UE, nonché sugli sforzi in atto per coordinare il rimpatrio delle migliaia di europei bloccati all'estero.

Pages