Questo sito è stato archiviato il 22/01/2015
22/01/2015

L'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza

NotizieRSS

  • 31/10/2014
    667 65744 1 _blank Statement by the Spokesperson on the expiration of the appropriate measures under Article 96 of the Cotonou Agreement concerning Zimbabwe Statement by the Spokesperson on the expiration of the appropriate measures under Article 96 of the Cotonou Agreement concerning Zimbabwe

    The European Union will on 1 November take a further step towards the normalisation of relations with Zimbabwe by allowing the appropriate measures under Article 96 of the Cotonou Agreement to expire.

    /statements/docs/2014/141031_01_en.pdf
    10/31/2014 14:20:00 10/31/2014 14:20:00 10/31/2014 14:20:00 nulldate 2014103114 090126248d0ac663 N 090126248d0ac663 /statements/docs/2014/141031_01_en.pdf 449956 pdf N /statements/docs/2014/141031_01_it.pdf 2 /statements/docs/2014/141031_01_en.pdf /statements/docs/2014/141031_01_fr.pdf /statements/docs/2014/141031_01_zz.pdf N ID_INTERNAL N N
    Statement by the Spokesperson on the expiration of the appropriate measures under Article 96 of the Cotonou Agreement concerning Zimbabwe pdf - 440 KB [440 KB] English (en) français (fr)
  • 30/10/2014
    665 65744 1 _blank Statement by the Spokesperson on ISIL atrocities in Iraq Statement by the Spokesperson on ISIL atrocities in Iraq /statements/docs/2014/141030_02_en.pdf 10/30/2014 22:55:00 10/30/2014 22:55:00 10/30/2014 22:55:00 nulldate 2014103022 090126248d082c6f N 090126248d082c6f /statements/docs/2014/141030_02_en.pdf 498778 pdf N /statements/docs/2014/141030_02_it.pdf 2 /statements/docs/2014/141030_02_en.pdf /statements/docs/2014/141030_02_fr.pdf /statements/docs/2014/141030_02_zz.pdf N ID_INTERNAL N N
    Statement by the Spokesperson on ISIL atrocities in Iraq pdf - 488 KB [488 KB] English (en) français (fr)
  • 30/10/2014
    Statement by the Spokesperson on the situation in Burkina Faso pdf

Archivio

Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione.

Nel novembre 2009 Catherine Ashton è stata nominata alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione.

È la prima persona a ricoprire questa carica, introdotta dal trattato di Lisbona per coordinare la politica estera e di sicurezza comune dell'UE. Questa figura riunisce in sé ruoli prima attribuiti a persone diverse, allo scopo di rendere più lineare e coerente la politica estera dell'Unione.

Nel suo lavoro, l'alto rappresentante/vicepresidente della Commissione è assistito dal Servizio europeo per l'azione esterna (SEEA), costituito il 1° gennaio 2011 mediante la fusione dei servizi della Commissione e del Consiglio competenti per la politica estera, ai quali si aggiungono diplomatici di carriera dei paesi membri.

Il portafoglio di Catherine Ashton comprende perciò diverse funzioni:

  • la tradizionale azione diplomatica
  • il coordinamento di altri strumenti di politica estera: aiuto allo sviluppo, commercio, aiuti umanitari e risposta alle crisi
  • la costruzione di un consenso tra i 27 paesi dell'UE e le rispettive priorità, spesso attraverso le riunioni mensili dei ministri degli Affari esteri, che sono da lei presiedute
  • la partecipazione alle regolari riunioni del Consiglio europeo, in cui siedono i leader dei paesi europei
  • la rappresentanza dell'UE nelle sedi internazionali, quali le Nazioni Unite
  • la guida dell'Agenzia europea per la difesa e dell'Istituto dell'UE per gli studi sulla sicurezza.

 

Commissario UE per il Commercio

Prima di assumere le sue attuali funzioni, Catherine Ashton è stata membro della Commissione responsabile per il Commercio.

In questa veste ha condotto negoziati fondamentali per l'accordo di libero scambio con la Corea, messo a punto nell'ottobre 2009, e ha risolto una serie di controversie di alto profilo con importanti partner commerciali. Si è inoltre adoperata per fare del commercio uno strumento di promozione dello sviluppo nel mondo, dando una base più solida alle relazioni economiche dell'UE con i paesi dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP).

Catherine Ashton ha infine rappresentato l'UE nel ciclo di Doha di negoziati commerciali mondiali, costruendo solide relazioni bilaterali in materia di commercio e di investimenti.

Carriera politica nel Regno Unito

Nel 1999 Catherine Ashton è stata nominata Pari a vita in riconoscimento della sua opera a favore delle comunità.

Nel giugno 2001 è stata designata come sottosegretario di Stato presso il ministero dell'Istruzione. Nel 2002 è diventata responsabile dell'iniziativa "Sure Start" dello stesso ministero.

Nel settembre 2004 è stata nominata sottosegretario di Stato presso il ministero degli Affari costituzionali.

Nel 2005 è stata votata "Ministro dell'anno" dalla rivista The House Magazine e "Pari del'anno" dall'emittente televisiva Channel 4. Nel 2006 ha vinto il premio "Politico dell'anno" nell'ambito degli Stonewall Awards.

Nel giugno 2007 Catherine Ashton è entrata a far parte del Gabinetto del governo britannico (laburista) in quanto Leader della Camera dei Lord.

Studi

Dopo aver frequentato la Upholland Grammar School di Billinge Higher End, Lancashire, e il Mining and Technical College di Wigan, Catherine Ashton ha studiato al Bedford College di Londra, dove ha conseguito un BSc nel 1977.

Vita privata

Catherine Ashton è nata nel Lancashire, in Inghilterra, il 20 marzo 1956; è sposata ed ha due figli e tre figliastri.